Traccia chi ti traccia - Come comprendere gli algoritmi di personalizzazione nei siti di video streaming

15 marzo 2020
alle ore 15.30
@Cox18 - via Conchetta 18 - Milano

workshop di e con tracking.exposed

Traccia chi ti traccia - Come comprendere gli algoritmi di personalizzazione nei siti di video streaming

pornhub tracking exposed logo

Nelle piattaforme di video sharing, da YouTube a Pornhub, i dati acquisiti tracciando il comportamento di chi le frequenta vengono automaticamente analizzati per suggerire e proporre altri video. L'algoritmo di personalizzazione è proprietario, perciò non ci è dato sapere nulla sul suo funzionamento, ma ha il potere di far fare, non solo alla macchina, ma soprattutto all'utente, spesso inconsapevole, una scelta, basata su previsioni automatizzate e arbitrarie dei suoi gusti e tendenze, a discapito dell'autodeterminazione individuale. Il sistema tecnologico tracking.exposed si propone di fare un'analisi critica di questi algoritmi, collezionando evidenze diverse provenienti dalla stessa piattaforma. Un mini-laboratorio per scoprire e metter mano alle diverse modalità di sperimentazione. A seguire una formulazione collettiva di ipotesi e domande di ricerca, breve tutorial su come utilizzare gli strumenti di raccolta dati e idee per l'analisi e la visualizzazione dei dati ottenuti.

Per partecipare al workshop è opportuno essere muniti di portatile e se volete segnalare prima la vostra adesione scrivete a lost@inventati.org

more ...

COVID-19

SMARTWorking
(per non parlare del diritto di sciopero)

è andata così
d'improvviso

in nome di una incerta emergenza

in buona compagnia del COVID-19 si è derogato completamente alle norme del telelavoro e del telestudio

non c'è più bisogno di accordo sindacale, regole contrattuali, principi didattici,
le norme sulla sicurezza vanno a farsi fottere,
gli studenti ricevono i compiti per email
gli impiegati si portano il PC a casa

ta-dah,
in meno di una settimana

Poi, a gioco fatto, gli basta spegnere il Burioni e andare avanti sereni che ciascuno starà tranquillo tappato in casa vicino al suo water

poiché sono creativi lo chiamano SMARTWorking

-.-.-.-.-.-.-.-.

di solito accade così: l'emergenza stravolge e infrange dei diritti che non è detto vengano rimessi a posto dopo
il caso più macro recente è il 911, per il quale viene introdotto di frettissima un decreto legge d'emergenza (il Patriot Act) che abolisce l'habeas corpus (pilastro nella legge anglosassone) che è tutt'ora in vigore 19 anni più tardi.
Una lunga emergenza.

more ...

L'epistemologia e le scienze sperimentali

L'epistemologia e le scienze sperimentali
di Ernesto Mascitelli Coriandoli

marzo 1972

SAPERE
numero 746, marzo 1972

Attraverso una lunga e complessa serie di operazioni dirette ad ordinare, chiarire e riformulare i tratti essenziali delle teorie scientifiche, l'epistemologia porta un contributo essenziale al loro sviluppo.

more ...


Internet Mon Amour

22 gennaio 2020
alle ore 19.00
@Cox18 - via Conchetta 18 - Milano

conversazioni con C.I.R.C.E. intorno a

Internet Mon Amour
cronache prima del crollo di ieri
di Agnese Trocchi

internet mon amour

Fino a quando continueremo a considerare le macchine alla stregua delle bestie non umane, animali artificiali da sfruttare come ogni altro animale per i nostri distruttivi scopi? Fino a quando le macchine staranno ad ascoltarci, obbedienti ai comandi dei più squinternati e sociopatici fra noi, invece di allearsi con piante, funghi, batteri e altri viventi per farla finita con la piaga umana? Fino a quando la Terra continuerà a sopportare le nostre sconsiderate e deliranti imprese di dominio, senza scrollarsi decisamente di dosso il virus che imperversa, invece di scuotersi solo con momentanee eruzioni, maremoti, terremoti per grattarsi la rogna umana? I posteri, se ci saranno, sapranno. A noi tocca ritrovare il filo d'Arianna nel labirinto del passato, filtrare le notizie balorde senza fondamento, potare le sciocchezze, sgrossare le teorie farlocche. Farci filtri della monnezza, contenere gli inquinanti mentali, neutralizzare i memi ossessivi.

Da: https://ima.circex.org/storie/0-intro/index.html
Agnese Trocchi ~ Internet Mon Amour ~ CC 4.0 (BY-NC-SA)

Suggeriamo a tutti una lettura del testo, che in versione volatile si trova qui: https://ima.circex.org
mentre in versione cartacea si trova (anche) alla Calusca in via Conchetta 18, in quel di Milano

Centro Internazionale di Ricerca per la Convivialità Elettrica
Unit Hacklab
Archivio Primo Moroni
Calusca City Lights
Centro Sociale Occupato Autogestito Cox18

more ...

Pornhub Exposed

Global coordinated observation of the Pornhub homepage

PornHub exp

Criteria

Our primary goal, in the first test, is to see how much the personalized experience changes between people performing the same actions.

All steps in the test have a motivation behind it:

- The homepage changes frequently over 24 hours, and the changes are partly location-specific (“hot videos in ‘Your Country’“); steps 1 and 6 are meant to check this  
- The recommended videos change by the activity performed: how fast do they change, and (steps 4 and 6) do they change equally around the world?  
- Old videos will have a stable list of related videos: is that true around the world? (step 3)  
- Freshly published videos will have a list of related videos that changes more frequently: can we quantify how much? (step 5)

Our goal is not to investigate why Pornhub does what they do, yet, but rather, to take some basic measurements and test our process.

By Tracking Exposed.

more ...

Alle origini della scienza moderna: Niccolò Copernico

Alle origini della scienza moderna: Niccolò Copernico di Arcangelo Rossi luglio 1971

da
SAPERE
numero 738, luglio 1971

L'astronomia classica o tolemaica escogitava con mol­ta disinvoltura circoli e sfere per spiegare i moti cele­sti, rispettando però sempre il principio che la terra è immobile al centro del mondo. Copernico propone invece di considerare il sole immobile al centro e la terra mobile intorno ad esso. Il suo sistema era però matematicamente equivalente a quello tolemaico nel­lo studio dei singoli fenomeni celesti. La sua supe­riorità era infatti tutta nell'unità razionale, che prelu­deva alla scienza galileiana della natura.

more ...


punto-org

punto-org

DOT-ORG

I domini punto-org, storicamente riservati alle organizzazioni no-profit, sono diventati profit. Il dominio di primo livello punto org, esistente dal 1985 e creato assieme agli altri dominii di primo livello: com, net, edu, gov e mil viene infatti ceduto all'azienda privata Ethos capital. Il dominio punto-org viene utilizzato da scuole, organizzazioni, progetti open source e comunità e conta più di 10 milioni di siti. Non si conosce la cifra che Ethos Capital paga per l'acquisizione. L'operazione, destinata ad alzare i prezzi delle registrazioni, viene definita da The register come tradimento e stampare soldi facili. Si rianima il dibattito su come venga gestito il sistema dei dominii su internet. L'organizzazione che gestisce i punto-org si chiama PIR (Public Interest Registry) e ha confermato che come risultato della vendita perderà lo status di organizzazione senza fini di lucro che possedeva dal 2003. E cosi noi ora abbiamoundominio.ethos.

Esiste una petizione che chiede di fermare l'operazione di vendita all'indirizzo savedotorg.org.

more ...

Riflessioni di fine millenio

Riflessioni di fine millenio
Carlo Oliva
novembre 1999

da
"A" Rivista Anarchica
anno 29 numero 259

Ammettiamolo pure. Dal punto di vista di coloro che l'avevano elaborata, l'ipotesi che l'alba dell'anno 1000 dopo la nascita di Cristo potesse segnare la fine di questo povero mondo non mancava di una certa logica. Mille, in sostanza, è una bella cifra tonda e una volta ammesso che l'Universo sia il frutto dell'attività di un Creatore intenzionato, un giorno o l'altro, a porvi clamorosamente fine, l'idea di far coincidere questo atto estremo con una data in qualche modo significativa, una data che chiunque, purché dotato di un po' di sale in zucca, avrebbe potuto facilmente prevedere, cogliendo l'occasione di prepararsi spiritualmente all'inevitabile palingenesi, sembrava abbastanza ragionevole. Naturalmente bisognava ammettere un certo numero di postulati, diciamo così, minori: bisognava sorvolare sul fatto che mille fa cifra tonda soltanto nel sistema decimale, che non è certo l'unico sistema numerico possibile, ed era necessario supporre, a rischio di peccare di superbia, che il Sommo Fattore si interessasse esclusivamente al nostro pianeta e a quella non grandissima parte di suoi residenti che dalla data di nascita (supposta) di uno sfortunato profeta palestinese contavano gli anni della propria era. Ma questi erano appunto dati su cui la cultura europea dell'epoca non aveva dubbi. Si sarà certamente discusso con accanimento di argomenti minori, quali l'opportunità di contare gli anni a partu, come facciamo noi e allora facevano i più, o ab incarnatione, come preferivano alcuni, nel qual caso il patatrac sarebbe stato anticipato al 25 marzo, e senza dubbio il partito di quanti ponevano la fine millennio al 31 dicembre 999 si sarà scontrato con la scuola di pensiero di quelli che ritenevano più corretto collocarla un anno dopo, perché un migliaio deve comprendere mille unità e non novecentonovantanove, eccetera eccetera, ma - nel complesso - del fatto che l'approssimarsi di quelle date giustificasse una certa inquietudine non dovevano essere in molti a dubitare. Se poi quell'inquietudine si fosse risolta - com'è capitato - nel più classico dei falsi allarmi, tanto meglio per tutti.
Oggi, naturalmente, le condizioni culturali sono abbastanza diverse. Sappiamo tutto sulle aritmetiche non decimali (per lo meno da quando ne scrisse, nel 1670, Giovanni Caramuel, vescovo di Vigevano) e abbiamo dovuto ristrutturare la nostra teologia per far fronte agli imperativi convergenti dell'ecumenismo e delle moderne teorie cosmologiche. Persino il Papa, che è il Papa, avrebbe qualche difficoltà a sostenere che il suo Principale si attiene, nel contare i secoli e gli anni, ai calcoli di Dionigi il Piccolo. Di un redde rationem di origine divina, attualmente, non ha paura nessuno. Oltretutto, abbiamo corso tante di quelle volte il rischio di distruggere noi il nostro mondo, accumulando ordigni nucleari, praticando buchi nella fascia dell'ozono, scatenando virus perniciosi e scardinando ogni possibile equilibrio ambientale, che un eventuale intervento in tal senso dell'Onnipotente non può che sembrarci, parlando con tutto il rispetto, affatto superfluo.

Globale sputtanamento
Eppure le preoccupazioni millenaristiche sembrano inesauribili. Sarà un caso, ma l'avvicinarsi della mezzanotte dell'ultimo giorno del 1999 …

more ...